Regolamento

pgs easy volley

CARATTERISTICHE E REGOLE SPERIMENTALI DEL GIOCO “ EASY VOLLEY ”

SQUADRE

Un gioco collettivo che contrappone due squadre di quattro giocatori su un campo formate da “atleti speciali” (minimo 2) e “atleti amici” (massimo 2)

 

CAMPO DA GIOCO

  • Standing easy volley  lungo metri 9 e largo metri 4,5.

Nella zona mediana una rete minimo h 2,00 donne h 2,10 uomini h 2,05 misto

  • Sitting easy volley lungo metri 7 e largo metri 3,00

Nella zona mediana una rete minimo h 0,95 donne h 1,05 uomini h 1,00 misto

 

DISPOSIZIONE IN CAMPO

Le posizioni in campo sono 1-2-3-4, di cui i giocatori in 2 e 3 in zona di attacco e quelli in 1 e 4 in zona di difesa. La rotazione è uguale a quella della pallavolo (senso orario)  con la zona 1 in servizio.

Per le squadre formate da più di 4 atleti è obbligatorio, ad ogni rotazione, l’inserimento dei giocatori fuori campo come segue: al cambio palla ed alla conseguente rotazione, il giocatore 4 esce dal campo ed un giocatore fuori campo entra in zona 1 al servizio.

E così si continua in modo che ad ogni rotazione ci sia un giocatore che esce dal campo ed uno che partecipa al gioco.

Non ci sono riserve tutti giocano con pari dignità. N.B. In campo è sempre obbligatoria la presenza di almeno 2 “atleti speciali”

 

PALLONE DA GIOCO

In mancanza di un pallone ufficiale easy volley che andremo a produrre dopo la sperimentazione, saranno utilizzati i palloni utilizzati nei campionati U12 e 13 FIPAV (modello school)

 

SCOPO DEL GIOCO

Ogni squadra deve cercare di far cadere il pallone a terra nel campo avversario.

 

 REGOLE

I giocatori si piazzano sul campo nelle posizioni 1-2-3-4 .

Uno di essi, a rotazione (in senso orario come la pallavolo), effettua la battuta per mettere in gioco la palla.

Il compito dei giocatori è di inviare il pallone nel campo avversario, facendolo passare al di sopra della rete, secondo le seguenti regole:

Gli “atleti amici” hanno l’obbligo di far passare la palla sopra la rete esclusivamente colpendola dal basso verso l’alto (non possono schiacciare, ne far pallonetti ecc.)

Gli “atleti speciali” possono anche effettuare colpi dall’alto verso il basso (schiacciate, pallonetti ecc.

La battuta è effettuata con un contatto breve e simultaneo e può avvenire con ogni parte del corpo al di sotto della spalla, oppure con la testa

  • Il giocatore non può entrare in campo né toccare la linea di fondo prima di aver effettuato la battuta (standing easy volley).
  • Il giocatore deve rimanere con il sedere dietro o sulla linea di fondo campo. Solo dopo avere effettuato la battuta può entrare in campo. (sitting easy volley).

N.B. Per permettere a chi ha più difficoltà coordinative di poter giocare, è possibile per un massimo di 1 giocatore in campo per squadra effettuare la battuta con il lancio a 2 mani. 

Perché la battuta sia valida, la palla non deve toccare un compagno, né altro ostacolo al di sopra od al lato del campo, né cadere al suolo al di fuori del terreno di gioco.

Dopo 3 battute punto effettuate dallo stesso giocatore, è obbligatoria la rotazione della squadra con conseguente battuta del giocatore che segue.

La palla inviata nel campo avversario con la battuta può essere “murata”.

La palla durante il resto del gioco può essere giocata con tutte le parti del corpo ma non può essere toccata due volte consecutive da parte del medesimo giocatore.

N.B. Come nella battuta, per permettere a chi ha più difficoltà coordinative di poter giocare, è possibile per un massimo di 1 giocatore in campo bloccare la palla e passarla ai propri compagni o inviarla nel campo avversario con il lancio a 2 mani. 

Dopo un massimo di tre tocchi/passaggi la palla deve nuovamente superare la rete.

La palla non deve cadere al suolo nel proprio campo, né toccare alcun ostacolo al di sopra od al lato del terreno di gioco, né cadere al suolo al di fuori del terreno di gioco dopo che un giocatore della squadra l’abbia toccata.

I giocatori non possono toccare con il proprio corpo ne la rete che gli avversari

I giocatori nel momento in cui toccano la palla, devono avere almeno un gluteo a contatto con il terreno di gioco (solo nel sitting easy volley)

PUNTEGGIO

Gli incontri si svolgono in due set di 21 punti ciascuno

Nel caso di parità 20-20 si procederà ad oltranza fino a quando una squadra non ottiene due punti di vantaggio

Il risultato dell’incontro è dato dalla somma dei punti fatti nei due set. (Possibilità di pareggio)

Se si volesse determinare una classifica ufficiale verrà calcolato il quoziente tra punti fatti e subiti

 

ARBITRAGGIO

Deve essere effettuato dagli allenatori delle squadre o meglio ancora dai giocatori a turno, per responsabilizzarli e educarli al rispetto delle regole

 

FESTA FINALE

Ogni incontro/torneo dovrà prevedere obbligatoriamente un momento di festa finale tra le famiglie dei partecipanti che proveranno l’easy volley e condivideranno un lauto rinfresco con alimenti e bevande portate da tutti

 

REGOLA COMPLEMENTARE CON FINI EDUCATIVO/TERAPEUTICI

I giocatori hanno l’obbligo di tenere a memoria il punteggio durante il set. (l’arbitro durante il set per 2 volte, una per squadra, dovrà chiedere al giocatore in battuta il punteggio. Se non esatto l’arbitro potrebbe decurtare un punto alla squadra in battuta)

© 2017: PGS Rimini | GREEN EYE Theme by: D5 Creation | Powered by: WordPress
Vai alla barra degli strumenti